I disturbi depressivi e l’esperienza interna soggettiva (PDM)

La depressione è diffusa. Anche se un disturbo depressivo maggiore può manifestarsi a qualsiasi età, in genere l’esordio è in età adulta. I sintomi durano giorni o settimane. Alcune persone hanno soltanto un episodio singolo, con un ritorno completo al funzionamento premorboso. Più del 50% do coloro che soffrono di un singolo episodio depressivo, però, alla fine ne sviluppano un altro.

La depressione non è soltanto una forma estrema di tristezza. È un disturbo che influenza sia la mente sia il corpo, incluse le funzioni cognitive, il comportamento, il sistema immunitario e il sistema nervoso periferico. La depressione è considerata un disturbo in quanto interferisce con il normale funzionamento lavorativo, scolastico o relazionale.

La definizione medica della depressione è una persistente anormalità nell’umore o sentimenti di disperazione e odio di sé. Un episodio depressivo è definito come un periodo della durata di almeno due settimane in cui una persona si sente depressa o diventa incapace di provare qualsiasi piacere, accompagnato da alcuni dei sintomi seguenti: cambiamenti nei pattern del sonno, nell’appetito e nel desiderio sessuale, perdita di interesse per le cose che prima erano reputate interessanti, perdita del piacere della vita, perdita di energia, incapacità di concentrarsi, rallentamento dei riflessi e dei movimenti del corpo e pensieri suicidari. La qualità, l’intensità e la natura sconvolgente dei sintomi sembrano gli elementi più rilevanti dal punto di vista clinico. La depressione è uno stato emotivo che può variare, per intensità, da relativamente leggero a profondo, da esperienza sfumata a disturbo clinico gravemente disabilitante.

Una valutazione attenta include uno screening dei problemi medici e un’indagine se gli eventi della vita attuale della persona che potrebbero favorire la comparsa di sintomi depressivi. Numerose condizioni mediche (incluse il diabete, l’ipo- e l’ipertirodismo, la sclerosi multipla, il morbo di Parkinson, i traumi cranici, l’epatite, l’AIDS e altre malattie infettive) possono causare sintomi che assomigliano alla depressione. Anche l’uso di steroidi o l’astinenza da cocaina, alcol o amfetamine può produrre reazioni depressive. Infine, il lutto normale può somigliare molto alla depressione.

La depressione maggiore si manifesta con una combinazione di sintomi che interferiscono con la capacità di lavorare, studiare, dormire, mangiare e godere di alcuni aspetti della vita. Il comportamento manifesto r i sintomi depressivi includono crisi di pianto, perdita dell’interesse per attività prima amate, indifferenza per le interazioni sociali, trascuratezza nella cura del corpo e dell’aspetto, comportamento passivo o ritirato, inquietudine, rallentamento motorio, rallentamento del pensiero e/o del linguaggio.

La distimia implica sintomi stabili e cronici che non sono disabilitanti ma impediscono un buon funzionamento e intaccano il senso di benessere. Molte persone con distimia a volte fanno anche esperienza di episodi di depressione maggiore.

Il disturbo bipolare, noto anche come sindrome maniaco-depressiva, è una patologia caratterizzata da oscillazioni dell’umore, che passa dalla depressione alla mania e viceversa. I criteri diagnostici per la depressione bipolare sono uguali a quelli della depressione maggiore, ma i pazienti bipolari tendono ad avere caratteristiche atipiche. I pazienti bipolari a cicli rapidi possono passare dalla mania alla depressione anche nel giro di alcuni minuti e possono presentare stati misti di depressione e mania.

La depressione psicotica è una forma rara di depressione caratterizzata da deliri (ad esempio, la credenza che si è qualcun altro, o che bisogna uccidersi per purificare il mando dal male) o allucinazioni (per esempio, sentire le voci che criticano ferocemente se stessi o ordinano di morire).

Il disturbo affettivo stagionale, anche se può essere connesso a una mancanza di luce solare, è una forma di depressione maggiore che appare in autunno o in inverno e va in remissione in primavera.

La depressione post partum è un disturbo dell’umore che si verifica entro la quarta settimana dopo il parto. Molte neo-madtri soffrono in una certa misura del “baby blues”, ma la depressione post partum è una forma di depressione che i ricercatori mette in relazione con i flussi ormonali associati alla nascita del bambino.

Le componenti della valutazione del rischio suicidarlo sono:

ü      Presenza di ideazione, intenti o piani omicidi o suicidi;

ü      Facile accesso a mezzi con cui si può suicidare e carattere letale di questi mezzi;

ü      Presenza di sintomi psicotici, specialmente allucinazioni ingiuntive;

ü      Presenza di un grave abuso di alcol o altre sostanze;

ü      Storia e gravità dei precedenti tentativi autolesivi;

ü      Storia familiare di – o recente esposizione a – suicidi

 

Gli stati affettivi esperiti dagli individui con depressione includono due orientamenti generali, descritti come pattern anaclitici e introiettivi.

I pattern depressivi anaclitici, spesso associati alla rottura della relazione con un caregiver primario, sono caratterizzati da sentimenti come senso di helplessness, debolezza, inadeguatezza e svuotamento; dalla paura di essere abbandonati, isolati e non amati; da strenui tentativi di mantenere un contatto fisico diretto on una persona che gratifica i propri bisogni.

I pattern della depressione introiettiva sono caratterizzati da continue autocritiche severe e punitive; da sentimenti di inferiorità, mancanza di varie aspettative e dei propri standard; dalla paura di perdere l’approvazione, il riconoscimento e l’amore degli altri significativi. L’autostima soffre gravemente a causa di violenti attacchi di autocritica e paura.

I pattern relazionali possono essere caratterizzati da bisogni insaziabili e/o ostilità esigente. Il sentimento di non essere degno di amore e di essere privo di valore può fare si che gli individui depressi si attacchino, si ritirino o si mettano in opposizione alle persone con cui in passato avevano avuto relazioni positive.

socialring