La bouffeè delirante polimorfa

Definizione: La bouffeè delirante polimorfa è uno stato psicopatologico acuto, improvviso, con la presenza di un delirio ricco e polimorfo;

Esordio: in soggetti giovani, preceduta da comportamenti insoliti, ragionamenti strani e disturbi del sonno. Può essere ricollegabile ad un lutto, ad uno shock emotivo o ad un fallimento affettivo. Il soggetto è completamente catapultato in fantasie senza dimostrare alcun interesse per la realtà.

Delirio polimorfo: è un insieme di idee qualitativamente e quantitativamente varie e non è in nessun modo sistematizzato. I temi sono di tipo persecutorio, mistico, erotico e di trasformazione sessuale. Questa forma di delirio è assoluta e non vi è spazio per il dubbio.

Disturbi dell’umore: presenta alterazioni timiche, con stati affettivi violenti e maniacali.

Evoluzione: è visto come una risposta a situazioni difficili. Sono deliri “a eclissi”, cioè rimossi nell’inconscio e con la possibilità di poter riemergere successivamente. I segni di peggioramento sono: automatismi mentali, resistenza alla terapia e durata e critica imperfetta. La prognosi migliora se vi è una comparsa improvvisa del delirio, ricchezza immaginativa, disturbi della coscienza e drammatizzazione teatrale.

Varie forme: deliri immaginativi, in cui le confabulazioni sono assai ricche di dettagli, deliri allucinatori acuti, di origine tossica, dovuto ad uno shock emozionale e a causa di conflitti acuto o di una catastrofe.

Trattamento: si compone di due parti. Per il trattamento sintomatico dell’episodio acuto può essere necessario il ricovero e in genere è indispensabile la prescrizione di neurolettici. Per il trattamento di base a lungo termine si può proporre una psicoterapia, suscettibile di favorire la messa a fuoco e la formulazione verbale dei conflitti profondi e rimossi, che potranno così diventare meno patogeni.

<?php if(function_exists('social_ring_show')){ social_ring_show();} ?>